Skip Navigation LinksHome page > I temi > Ipnosi motivazionale

Ipnosi motivazionale

Motivazioni propedeutiche all’ipnosi

Nel trattamento ipnotico è importante che nel soggetto si istaurino valide motivazioni che abbiano lo scopo di aggirare le resistenze. Per favorire tutto ciò è importante una conversazione preparatoria che abbia il fine di tranquillizzare il paziente sfatando pregiudizi e credenze circa il metodo ipnotico stesso affinchè la trance possa svolgersi con successo

Motivazioni che si istaurano con il trattamento ipnotico

L’ipnosi è uno strumento molto efficace per produrre nel soggetto potenti motivazioni che lo spingano al cambiamento sostituendo sintomi , atteggiamenti comportamenti auto lesivi orientandolo verso un approccio esistenziale positivo , vitale orientato al benessere alla fiducia allo sviluppo di risorse all’incremento di autostima.

Concetto di motivazione

Freud ha spiegato la motivazione all’interno della sua teoria pulsionale, analizzando in che modo le pulsioni possono indirizzare il comportamento umano. Una pulsione è un costituente psichico geneticamente determinato che opera producendo uno stato di eccitazione, di tensione che spinge l'individuo all'attività. Il concetto di pulsione va differenziato da quello di istinto. Un istinto è la capacità o la necessità innata di reagire ad un determinato insieme di stimoli in maniera stereotipata o costante attraverso un comportamento notevolmente più complesso di quello che viene definito riflesso. Come un semplice riflesso, tuttavia, un istinto è messo in relazione ad un determinato stimolo ed è costituito da una eccitazione centrale alla quale segue una risposta motoria avente un corso determinato. la pulsione invece è una costituente psichica che produce
uno stato di eccitazione che spinge l’organismo all’attività, anch’essa geneticamente determinata
ma suscettibile di essere modificata dall’esperienza individuale (carattere relativamente
indeterminato della pulsione rispetto allo schema rigido che caratterizza l’istinto). Noi ci rappresentiamola pulsione come un certo ammontare di energia, che preme verso una determinata direzione. La meta di una pulsione è il soddisfacimento che può essere raggiunto soltanto sopprimendolo stato di stimolazione alla fonte della pulsione.
Secondo Freud gli uomini sono influenzati, nel loro agire, da due istinti o pulsioni di base: la sopravvivenza/procreazione sessuale (Eros) e la morte/distruttività (Thanatos). Tutti gli istinti hanno un origine, uno scopo e un oggetto. L’origine si ritrova nell’attività biologica del corpo, nella dinamica dell’incremento ormonale, nella responsività dei tessuti agli ormoni, nel tasso di ormoni in circolo e nella sensibilità agli ormoni degli organi bersaglio. Questi meccanismi fisiologici di base generano una condizione di tensione, attivano una pulsione o spinta, creando uno stato funzionale che persona avverte come sgradevole. Lo scopo di ogni spinta è quello di riuscire a ridurre tale tensione. Gli individui devono trovare un bersaglio, un oggetto grazie al quale poter ridurre tale tensione, altrimenti insorgono insofferenza, infelicità e ansia. L’uomo non può soddisfare direttamente le sue pulsioni istintive perché nella realtà ci sono regole morali e sociali che glielo impediscono, per cui attiva dei meccanismi di difesa verso esse. L’uomo può “rimuovere” le pulsioni e, quindi, farle diventare inconsce, anche se così continuano comunque a determinare la condotta, o “sublimarle”, sostituendo l’oggetto della pulsione (ad esempio: il bambino succhia il pollice in sostituzione del capezzolo materno; oppure un soggetto adulto dà un calcio ad un oggetto sotto la spinta di una pulsione aggressiva, quando non può colpire il suo superiore, quindi agisce in risposta ad una frustrazione,ecc.). Secondo Freud, il meccanismo della sublimazione è fondamentale per il mantenimento del benessere dell’individuo, per la usa sopravvivenza e per lo sviluppo della civiltà. La sublimazione impiega energia neutralizzata che ha subito un processo di desessualizzazionee di deaggressivizzazione dove l’energia libidica, che tende naturalmente verso una metasessuale o aggressiva, viene neutralizzata e resa disponibile per attività sublimate in accordo con lo sviluppo dell’Io e del mondo culturale e sociale in cui l’Io si trova ad esprimersi.
Spesso, i soggetti non sono consapevoli delle pulsioni alla base dei loro comportamenti e tendono ad interpretare la propria condotta come conseguenza di una motivazione più alta. La teoria della sublimazione risulta valida, non solo per la spiegazione di molti casi clinici, ma anche di molte condotte “normali”, come le scelte vocazionali e professionali, l’inclinazione verso specifici hobby, la formazione di rapporti di coppia, ecc
Altri autori, come Adler, hanno introdotto altre categorie pulsionali ritenendole preminenti (per esempio la pulsione di dominio e la sua traduzione comportamentale come ricerca del controllo o del potere) oppure hanno integrato nella dimensione inconscia non solo le pulsioni primarie ma anche modelli archetipici di orientamento nella persona, come nella teoria proposta dalla psicologia analitica di Jung. Altri ancora hanno ridimensionato la componente inconscia dello psichismo, trovando la spiegazione delle diverse condotte individuali prevalentemente a livello dell'Io. Tali modelli, ed in particolare quello della psicologia dell'Io, postulano quindi che la motivazione sia ampiamente determinata non tanto dalle pulsioni primarie quanto da elaborazioni consapevoli e razionali..

Alcune teorie motivazionali generali hanno cercato di interpretare e spiegare in che modo le pulsioni possono indirizzare il comportamento umano e animale. Tra queste teorie rientra la teoria pulsionale etologica, il cui principale esponente è Lorenz. Egli ha affermato che le pulsioni sono istinti caratteristici della singola specie, ma che possono essere influenzate dall’esperienza e dall’apprendimento. Questa teoria sostiene che ogni animale possiede un repertorio singolare e determinato di pulsioni istintuali in relazione alla sua struttura genetica. L’ambiente e l’esperienza agiscono come “modulatori” dell’espressione degli istinti di base della specie. I comportamenti pulsionali si manifestano solo se ci sono un adeguato livello di impulso e uno stimolo scatenante. Gli etologi hanno dedotto che la relazione fra stimolo e tipo di risposta è innata poiché è uguale in tutti gli individui della stessa specie. La significatività delle ricerche sull’imprinting per la comprensione della motivazione sociale umana, nasce soprattutto dalla corrispondenza tra i risultati sperimentali delle ricerche degli etologi e le osservazioni compiute da Spitz, Wolff e Bowlby su bambini privati delle normali cure materne. Tali ricerche hanno provato l’importanza determinante della variabile “ruolo materno” nello sviluppo dell’emotività, della psicomotricità e del linguaggio del bambino. In base alle ricerche sull’imprinting, agli esperimenti di Harlow sulle scimmie e alle osservazioni sui bambini nel primo anno di vita, Bowlby ha concepito la relazione madre-bambino come ricerca di vicinanza tra i due partners e tale ricerca del contatto con un altro essere umano della propria specie è considerata da Bowlby una predisposizione innata da cui dipende lo sviluppo sociale e che prevede un certo grado di attività del bambino fin dalla nascita.. L’attaccamento si può definire come un legame affettivo che una persona o un animale forma tra sé e un altro essere e, in quanto motivazione sociale, viene mostrato dal bambino con comportamenti di ricerca di prossimità. Le ricerche sull’attaccamento hanno utilizzato per lo più una metodologia osservativa .
.Secondo l'approccio cognitivista si distinguono:

La Motivazione estrinseca
La motivazione estrinseca avviene quando un soggetto si impegna in un'attività per scopi che sono estrinseci all'attività stessa.

La motivazione intrinseca
La motivazione intrinseca, al contrario, avviene quando un soggetto si impegna in un'attività perché la trova stimolante e gratificante di per se stessa, e prova soddisfazione nel sentirsi sempre più competente.).

L'orientamento motivazionale
Ciò avviene grazie alla rappresentazione degli obiettivi che il soggetto stesso vuole raggiungere o evitare.