Skip Navigation LinksHome page > Lo specialista risponde > Disturbo di personalità borderline

Disturbo di personalità borderline

Il termine “borderline” comparve nello studio di Adolph Stern del 1938, per descrivere quei soggetti fondamentalmente narcisisti, ipersensitivi,potenzialmente a rischio di reazioni negative alla terapia e con lacune nell’esame di realtà.
Il lavoro compiuto da Stern del ’38 faceva notare come esistesse un ampio gruppo di pazienti non identificabili né dai criteri diagnostici delle psicosi, né da quello delle nevrosi;erano sofferenti di una decina di sintomi clinici, tra i quali spiccavano il narcisismo, la scarsa tolleranza alle frustrazioni e sentimenti d’insicurezza radicati nel profondo.
Uno studio interessante, compiuto pochi anni dopo quello di Stern, fu quello di Helene Deutsch del 1942 sulle “personalità come se”: qui l’autrice descrisse una forma di carattere all’apparenza normale, ma che, ad un’analisi più approfondita, rivelava un grave disturbo di personalità caratterizzato dall’assumere le caratteristiche delle persone con cui il soggetto si stava relazionando.
Robert Knight nel 1953 pose per la prima volta, in questi soggetti, l’accento sulla struttura personologica a scapito del quadro sintomatologico comunemente usato fino ad allora, ponendo così l’attenzione alla forte debolezza del loro Io, in particolar modo nei “processi di pensiero secondario, capacità d’integrazione, esame di realtà, mantenimento delle relazioni oggettuali, adattamento all’ambiente e la presenza di difese contro impulsi inconsci primitivi” senza però che si raggiungesse l’indebolimento globale proprio degli stati psicotici.
Nell’evoluzione del concetto di borderline molto importante è stato il lavoro svolto da Roy Grinker e coll. nel 1968. Furono presi in esame 51 soggetti ospedalizzati con grave patologia psichica non riconducibile alla schizofrenia. I dati ottenuti permisero di arrivare a delineare due grandi entità psicopatologiche, la prima caratterizzata da relazioni interpersonali intense, affettività negativa e tendenza all’acting-out, la seconda molto simile alla “personalità come se” descritta da Helene Deutsch.
Ambedue i gruppi erano contrassegnati da sentimenti di rabbia (quale affetto principale), relazioni interpersonali intense ma disturbate, un senso pervasivo di vuoto e solitudine e infine la sensazione di una discontinuità nella propria identità.
Il lavoro di Otto Kernberg. focalizzò come elementi discriminanti presenti in questa struttura di carattere:
• una debolezza dell’Io;
• la tendenza del predominio del processo primario con i conseguenti meccanismi di difesa arcaici (primo fra tutti la scissione);
• relazioni interpersonali disturbate.
.Bergeret.nei suoi lavori del 1974 colloca la patologia borderline (o stati limite, come lui li chiama) a metà strada fra nevrosi e psicosi, sottolineandone l’aspetto meno rigido, meno solido e definitivo tendendo inoltre a concentrare la propria attenzione più sulle dinamiche intrapsichiche che sugli aspetti sintomatologici. Concetto cruciale è, nella personalità borderline, quello di Io anaclitico, una modalità di funzionamento dell’Io del soggetto che, in condizioni di minaccia di perdita dell’oggetto,provoca una forte angoscia che può dar luogo a reazioni psicotiche brevi e transitorie. Collegato al concetto di Io anaclitico è la costante presenza di un’angoscia depressiva di perdita dell’oggetto. Un Io nevrotico preorganizzato (e, analogamente, un Io psicotico preorganizzato) rimane nel quadro d’appartenenza e si organizzerà in modo definitivo secondo la relativa linea di strutturazione,nevrotica o psicotica che sia. Iter impossibile, secondo Bergeret, con la struttura di personalità degli stati limite.
Nel 1975 J. Gunderson trovò sette caratteristiche discriminanti tale disturbo:
1) relazioni interpersonali instabili e intense;
2) comportamento autodistruttivo;
3) paura di abbandono;
4) disforia cronica;
5) distorsioni cognitive;
6) impulsività;
7) scarso adattamento sociale.
.
Nel DSM-III, infine si parla di
A) Disturbo schizotipico di personalità
B) Disturbo borderline di personalità.
Ci si riferisce a due situazioni nosografiche differenti: una riferita a disturbi del
comportamento,dell’affettività e del pensiero (un’area clinica molto vicina alla schizofrenia), l’altra inerente per lo più a un versante caratteriale.
Infine studi recenti orientano a considerare come L’ Autismo di Asperger, la sindrome Borderline e, in ultima analisi, la cosiddetta Schizofrenia Pseudonevrotica (descritta da C.L. Cazzullo) siano tre psicopatologie per molti aspetti sovrapponibili: secondo tali studi anche se la sindrome Borderline viene riferita, come momento di esplosione, alla giovinezza ed alla pubertà (14-20 anni), nell’anamnesi psicopatologica e nell’esperienza psicoterapeutica, i primi segni si evidenziano già a partire dai 3 anni